Cotti in Fragranza, come rimediare agli errori di stampa in etichetta?

cotti-in-fragranza

Buonasera,

il laboratorio di prodotti da forno all’interno del carcere minorile di Palermo, ‘Cotti in Fragranza‘, commercializza i suoi prodotti sul territorio nazionale.

Per uno di questi, il Parrapicca, frollino al limone e zenzero, è andata in stampa una etichetta con la lista ingredienti non corretta. Nello specifico (v. allegato):
– è stato inserito il latte tra gli ingredienti (quando in realtà non c’è),
– è stato inserito il tuorlo d’uovo (in realtà viene utilizzato sia albume che tuorlo).

Come possiamo procedere adesso? Si può apporre una etichetta adesiva con gli ingredienti corretti sopra l’etichetta errata?

Resto in attesa di un Vs riscontro e colgo l’occasione per porgere i miei più cordiali saluti.

grazie in anticipo,

Eliana

cotti-in-fragranza-etichetta


 

Risponde l’avvocato Dario Dongo, Ph.D. in diritto alimentare europeo

Cara Eliana,

la soluzione più semplice è cancellare le parole ‘latte’ e ‘tuorlo di’ (prima di ‘uovo’), sulla lista ingredienti delle etichette ancora nelle Vs. mani.

Altrimenti potete apporre nuove etichette su quelle già stampate e apposte sulle confezioni, non vi sono problemi al riguardo.

Un elemento di criticità che merita una revisione delle procedure, prima ancora delle etichette, concerne invece l’indicazione precauzionale sulla possibile presenza di ingredienti allergenici, a seguito di contaminazione accidentale. In particolare:

- ‘Prodotto in uno stabilimento che utilizza anche…’ è una dicitura non più ammessa, poiché poco chiara per i consumatori allergici,

- ‘Può contenere… è quindi la locuzione da utilizzare, evitando di riferire alle ‘tracce’, (1)

- la frutta secca con guscio non può venire designata con il nome della categoria. A tale proposito, si segnalano da ultimo le Linee guida pubblicate dalla Commissione europea.

Dario

Note

(1) Il concetto di ‘tracce’ di allergeni è invero sprovvisto di una nozione giuridica. In quanto non vi è consenso scientifico sulle soglie al di sotto delle quali i vari allergeni non sono in grado di innescare una reazione immune. V. http://www.foodagriculturerequirements.com/category/notizie/etichette-alimentari-“può-contenere…”-ingredienti-allergenici-lavori-in-corso-a-bruxelles

Comments are closed