Goleador, la caramella gommosa è adatta per vegetariani e vegani? Risponde l’avvocato Dario Dongo

goleador-ant

Buongiorno,

vorrei un chiarimento dell’avvocato Dongo sulle Goleador alla frutta. Le ho sempre consumate ma sono vegetariana e il mio ragazzo mi ha messo il dubbio che queste caramelle non vadano bene. Mi sembra strano, penso che siano essenzialmente fatte di zucchero, non è così?

Grazie

Tiziana


 

Risponde l’avvocato Dario Dongo, Ph.D. in diritto alimentare

 

Cara Tiziana,

La Commissione europea non ha ancora recepito le definizioni di alimento ‘vegetariano‘ e ‘vegano‘ proposte dalla European Vegetarian Union.

In ogni caso, per capire se un alimento è adatto a vegetariani e vegani basta leggere la sua etichetta, che ne rappresenta in un certo modo la carta d’identità. 

La lista degli ingredienti, in particolare, ci aiuta a identificare l’eventuale presenza nell’alimento di sostanze di origine animale. E a tal fine bisogna considerare – oltre ai prodotti caratteristici della dieta onnivora (1) – anche gli ‘ingredienti nascosti‘.

Alcuni ingredienti sono infatti designati con la c.d. ‘denominazione legale’ , che tuttavia non precisa la loro origine animale.

L’etichetta delle caramelle Goleador di Perfetti Van Melle, a ben vedere, riferisce la presenza di due ingredienti non compatibili con la dieta vegetariana:

- la ‘gelatina alimentare, generalmente ottenuta per idrolisi dal collagene, una proteina che viene estratta dal tessuto connettivo degli animali (tendini, legamenti, cartilagini), (2)

- il colorante carminio, o E120, proviene invece dalla cocciniglia, la femmina di un insetto che vive sulle pale dell’opunthia, il fico d’india. (3)

Esistono alternative? Le gelatine vegetali sono già ampiamente utilizzate dall’industria alimentare. Vengono realizzate con vari ingredienti – es. gomma di guar, carragenina, agar-agar, xantano, amidi, farina di carrube – i cui costi sono peraltro inevitabilmente superiori. Per quanto attiene ai coloranti, le alternative di sintesi chimica – quali il rosso allura, E129 – presentano a loro volta problemi di non poco conto. (4)

Dario Dongo

 

Note

(1) Es. carni, prodotti a base di carne, uova, latte e derivati, miele

(2) La gelatina è ricavata in prevalenza dalle pelli di suini e bovini

(3) La produzione è impegnativa, poiché sono necessari un centinaio di migliaia di insetti per ottenere 1 kg di colorante

(4) I c.d. coloranti di Southampton, dal nome dell’università ove i primi studi sono stati condotti, sono infatti indiziati di contribuire alla sindrome di iperattività o disturbi da deficit di attenzione (ADHD)

Comments are closed