Gestione delle crisi

Gestione delle crisi

L' antico adagio ' prevenire è meglio che curare'  è ricco di casistica, con alterni esiti, sul fronte del c.d. crisis management . I numerosi case-study sulla gestione delle crisi convergono infatti su un unico nodo cruciale che è rappresentato appunto dalla capacità di prevedere la situazione ove possibile, e comunque di interagire in  modo appropriato e tempestivo. Grazie a un' aggiornata conoscenza di ciò che accade o sta per accadere, e alla predisposizione di idonei strumenti, risorse e procedure per la pro-azione. FARE perciò lavora su diversi versanti.

Bisogna anzitutto monitorare tutti i ' rumours ' potenzialmente destinati a trasformarsi in crisi di sicurezza, o comunque avere impatto sui Clienti, sui territori e i mercati, la fiducia. Analizzare e approfondire le situazioni di allerta comunitaria, possibilmente prima che raggiungano il pubblico dominio. Valutare per tempo i vari rischi, diretti e indiretti.

Nell' emergenza, è utile poter confidare in un supporto esterno per l' analisi dei rischi e la gestione della crisi sui diversi livelli tecnico, legale e regolatorio, di relazione e comunicazione. Per interagire al meglio con le istituzioni, le comunità scientifiche, i consumatori e gli stakeholders , i media.

Ma soprattutto, per tornare all' antico adagio, è essenziale essere già pronti. Grazie alla messa a punto di idonee procedure di gestione delle crisi, che devono venire condivise, testate e aggiornate con periodicità, nella speranza di non doverle mai sperimentare dal vivo. Tali procedure devono in ogni caso essere in grado di coordinare le competenze gestionali, legali e tecniche, di public affairs e comunicazione indispensabili a mitigare i rischi.

Comments are closed