Senza zuccheri aggiunti, multa salata per il gelataio

senza zuccheri 600x375

Gentile Avvocato Dongo,

Abbiamo avuto vivaci scambi di idee, tra professionisti del settore, sulla multa salata appena irrogata dai NAS a un gelataio che vantava l’assenza di zuccheri aggiunti su un gelato che invece conteneva altri ingredienti con proprietà dolcificanti. Allego notizia del caso, su https://mezzolombardo.virgilio.it/notizielocali/glucosio_nel_gelato_la_multa_salata-52785008.html.

Qual è la Sua opinione al riguardo?

Grazie

Roberta


 

Risponde l’avvocato Dario Dongo, Ph.D. in diritto alimentare europeo

Cara Roberta buonasera,

il regolamento NHC (Nutrition & Health Claims, reg. CE 1924/06 e successive modifiche) precisa in Allegato le condizioni da rispettare per l’impiego delle indicazioni nutrizionali previste nel suo tassativo elenco.

In particolare, l’indicazione ‘senza zuccheri (…) e ogni altra indicazione che può avere lo stesso significato per il consumatore sono consentite solo se il prodotto contiene non più di 0,5 g di zuccheri per 100 g o 100 ml.’

La dicitura ‘senza zuccheri aggiunti (…) e ogni altra indicazione che può avere lo stesso significato per il consumatore sono consentite solo se il prodotto non contiene mono- o disaccaridi aggiunti o ogni altro prodotto alimentare utilizzato per le sue proprietà dolcificanti. Se l’alimento contiene naturalmente zuccheri, l’indicazione seguente deve figurare sull’etichetta: «CONTIENE IN NATURA ZUCCHERI».’

Il campo di applicazione del regolamento NHC è esteso a ogni informazione commerciale relativa agli alimenti. Siano essi venduti sfusi, preincartati o preimballati.

Le sanzioni specifiche da applicarsi alla violazione del regolamento CE 1924/06 sono state stabilite con apposito decreto. Che, come abbiamo a suo tempo evidenziato, risulta particolarmente oneroso per le PMI quanto inefficace per le grandi industrie. Salvo l’intervento dell’Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato (c.d. Antitrust), laddove le violazioni siano altresì qualificate come pratiche commerciali sleali.

Non possono invece venire applicate le sanzioni generali, a modesto parere di chi scrive. Poiché il decreto legislativo 109/92 che le ha stabilite costituisce il recepimento di una direttiva europea definitivamente abrogata dal regolamento UE 1169/11. Di conseguenza, ogni verbale di contestazione che si basi sul predetto decreto presenta un insanabile vizio di legalità.

Fino a quando l’Italia non introdurrà le sanzioni da applicarsi alle violazioni del reg. UE 1169/11, perciò, le etichette fuori legge rimarranno in buona parte impunite.

Cordialmente

Commenti chiusi