Cibus Loci, seminario a Genova il 22.11.19. Per i giornalisti, e non solo

La corretta informazione sul cibo, i diritti dei consumatori e quelli degli operatori, la filiera corta e le indicazioni geografiche (DOP, IGP). A questi temi è dedicato il seminario ‘Cibus Loci. Una buona informazione sul cibo, le origini e la qualità’, il 22.11.19 a Genova.

Evento formativo per giornalisti (e non)

Cibus Loci, il Cibo del Territorio, un evento ideato per la formazione continua dei giornalisti, è aperto a tutti gli operatori interessati. Per i professionisti dell’informazione, in particolare, è un’occasione di arricchimento delle competenze – sempre più richieste – in ambito di giornalismo agroalimentare e turistico-culturale.


L’informazione è infatti cruciale per divulgare i principi della sana alimentazione, che si compone anche delle tipicità agroalimentari italiane protette da una denominazione di origine. Vale a dire i gioielli del cibo Made in Italy famosi in tutto il mondo.

DOP e IGP non sono sigle puramente formali, ma rappresentano un vero e proprio strumento di difesa per consumatori e produttori. Una barriera alle dilaganti imitazioni – italian sounding – delle eccellenze agroalimentari italiane.

Il programma

Il seminario è moderato da Giovanni Bottino, segretario del Consorzio di Tutela Basilico Genovese DOP e condotto da esperti in materia agroalimentare, rappresentanti dei Consorzi di Tutela e giornalisti di settore.

Aprono i lavori Stefano Mai (assessore Agricoltura Regione Liguria), Paola Bordilli (assessore al Commercio, Artigianato, Tutela e Sviluppo Vallate, Grandi Eventi), Mario Anfossi (Presidente Consorzio di Tutela Basilico Genovese DOP), Carlo Siffredi (Presidente Consorzio di Tutela Olio DOP Riviera Ligure), Marco Rezzano (Presidente Enoteca Regionale della Liguria).

Su qualità, origine degli alimenti e legame con il territorio intervengono Giovanni Adezati (professore in diritto dei consumatori), Ermanno Coppola (responsabile Ufficio qualità e certificazione dell’area sicurezza alimentare Coldiretti), Nicola Di Noia (responsabile EVOO SCHOOL Italia e Capo Panel COI). Sul funzionamento delle DOP, invece, relaziona Leo Bertozzi, segretario generale Origin Italia.

I successi (e gli insuccessi) delle DOP italiane in Europa sono ripercorsi dalle testimonianze di Federico De Simoni (direttore del Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP) e Riccardo Deserti (direttore del Consorzio del Parmigiano Reggiano DOP) .

L’avvocato Dario Dongo (Ph.D. in diritto alimentare europeo, fondatore di Great Italian Food Trade e Food and Agriculture Requirements) interviene sulle funzioni del sistema delle DOP. Anche in ottica di prevenzione frodi, contraffazioni, rischi di sicurezza alimentare.

Cinzia Scaffidi, giornalista e formatrice su sostenibilità e alimentazione, autrice per Slow Food Editore e docente di Scienze Gastronomiche, fornisce invece indicazioni utili al racconto delle DOP attraverso cronaca, opinione e storytelling.

A fine lavori, dibattito e sessioni di assaggio di piatti tipici con prodotti DOP e vini liguri DOP, con l’accompagnamento di Roberto Panizza, gastronomo e presidente Associazione Culturale Palatifini. La sessione di assaggio di oli DOP Riviera Ligure e altri DOP è a cura di Nicola Di Noia.

Iscrizioni e informazioni

La giornata formativa è organizzata da Assaggia la Liguria, il programma dei Consorzi di Tutela del Basilico Genovese D.O.P e dell’Olio DOP Riviera Ligure, insieme all’Enoteca Regionale della Liguria (con il sostegno della Regione Liguria e del FEASR dell’Unione Europea – PSR 2014/20).

I giornalisti devono iscriversi sulla piattaforma SIGEF, mentre tutti gli altri partecipanti possono avere informazioni sul sito degli organizzatori.

Appuntamento venerdì 22.11.19, ore 9,30, presso Dialogo nel Buio, Calata De Mari, Genova.