Etichettatura e filiere, workshop a Bologna

cover-1169

Etichettatura e filiera degli alimenti’ è il workshop in programma a Bologna il 3 aprile 2019. L’evento è organizzato dal Consiglio Nazionale dei Biologi e affronta argomenti cruciali per il settore agroalimentare. La responsabilità degli operatori nella corretta informazione al consumatore, il sistema di controlli e sanzioni, l’indicazione di origine degli alimenti, la promozione del Made in Italy. Il convegno è condotto dall’avvocato Dario Dongo, giornalista e cultore della materia, PhD in diritto alimentare europeo, fondatore dei siti FARE e GIFT.

La figura deI biologo nella filiera alimentare

L’Ordine dei biologi introduce l’incontro con gli interventi del Presidente nazionale, Vincenzo D’Anna, e il consigliere referente per la sicurezza alimentare, Stefania Papa. Figure altamente rappresentative di una categoria di professionisti che svolge un ruolo chiave nella filiera alimentare, nella ricerca e nei controlli, anche per quanto specificamente attiene alle analisi di laboratorio. Senza dimenticare il ruolo dei biologi nutrizionisti nella progettazione di alimenti e diete coerenti alle attuali esigenze della popolazione globale.

Informazione al consumatore e controllo pubblico ufficiale

Smascherare e reprimere le illegalità che inevitabilmente affliggono anche il settore agroalimentare, in Italia come altrove, è altrettanto cruciale. Chiarite le regole (v. l’ebook gratuito ‘1169 Pene’) dunque, bisogna vigilare sulla loro applicazione. Intervengono al convegno i protagonisti del controllo pubblico:

- il Colonnello Luigi Cortellessaal vertice del Comando Carabinieri per la tutela agroalimentare, la forza militare di polizia giudiziaria a presidio della sicurezza e legalità nell’intero corso della filiera,

- il dr. Antonio Iaderosa, ICQRF (Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari) di Emilia-Romagna e Marche, link a pezzo controlli

Informazione al consumatore e origine degli alimenti

Informazione al consumatore, dichiarazione nutrizionale e origine degli alimentiin etichetta  sono i temi affrontati da due relatori istituzionali d’eccezione:

- il dr. Roberto Copparoni, Direzione generale sicurezza degli alimenti e nutrizione del ministero della Salute, protagonista italiano dei negoziati che hanno condotto al compromesso istituzionale sul testo del reg. UE 1169/11,

- l’avv. Paola Tucciarone, Ufficio legislativo del MiPAAFT.

Chiarezza andrà fatta sui decreti dell’era Gentiloni, sulla sede dello stabilimento e l’origine di pasta, riso, latte e pomodoro. Decreti solo formalmente in vigore bensì inapplicabili per palese contrasto con il diritto UE.

Tutela del Made in Italy

La giornata di studio conclude con una tavola rotonda sulla tutela del Made in Italy rispetto al fenomeno ‘Italian sounding’. Ulteriori spunti in chiusura su biotecnologie e ricerca applicata in ambito agroalimentare.

Relazioni da Assobiotec, Federalimentare e Coldiretti.

Appuntamento a Bologna, a Palazzo Gnudi, alle 8,30.

 

Comments are closed